Come nasce

 

Facciata Chiesa di San Filippo (Montefiore dell'Aso (AP) - orologio solare
1990 – Facciata Chiesa di San Filippo (Montefiore dell’Aso (AP) – orologio solare ©OM
2013 - Restauro Orologio Solare - consolidamento intonaco
2013 – Restauro Orologio Solare – consolidamento intonaco ©OM
orologio pietro mei - Chiesa di San Filippo
2013 – Orologio Pietro Mei – Chiesa di San Filippo (prima del ripristino)
Orologio-Melloncelli nella sede della Torre Civica
2014 – Orologio Melloncelli nella sede della Torre Civica (prima del restauro)
Palazzo Pompeo Montani
2014 – Palazzo Pompeo Montani, Sede del Museo)

 

Nell’agosto del 2013, un gruppo di cittadini di Montefiore dell’Aso (Oronzo Mauro, Giampaolo Valori, Guido Cossignani, Giuseppe Basili, Oliviero Gottardi) intravvide l’opportunità di restaurare l’antico orologio solare presente sulla facciata della Chiesa di San Filippo in Montefiore dell’Aso. L’orologio da tempo appariva scolorato ed è ormai prossimo a scomparire del tutto.Nel mentre il gruppo di lavoro opera per il restauro dell’orologio solare di San Filippo, sempre nella stessa chiesa venne posto il problema del ripristino del funzionamento dell‘antico orologio (Pietro Mei del 1855) meccanico della torre della stessa chiesa, fermo da oltre 50 anni  e ulteriormente aggravato a causa di un rovinoso progetto di automazione avvenuto nel 1980.

Il gruppo di lavoro, sempre più  coeso e capace, si rende conto della possibilità di creare un percorso montefiorano dedicato al mondo degli orologio per cui venne intensitficata la ricerca di reperti per capire se ci fosse la giusta massa critica per l’apertura di un vero e proprio museo.

Nel 2013, il gruppo di lavoro chiese al  Sindaco di Montefiore dell’Aso, Avv. Castelli,di poter intervenire per la conservazione e la valorizzazione dell’orologio meccanico (Ennio Melloncelli 1870 circa)  della Torre Civica di Montefiore dell’Aso, meccanica ferma dal 1970 circa. Il restauro di questo fantastico meccanismo costruito da Ennio Melloncelli di Sermide (Mantova), intorno agli anni 70 del 1800, venne terminato e si pose i tema della valorizzazione di un siffatto meccanismo.

La sede che viene condivisa con il Comune di Montefiore dell’Aso (il sindaco è Lucio Porrà, Vice Sindaco Serena Curto) ove esporre il bellissimo Melloncelli sono i magazzini dello splendido Palazzo Pompeo Montani (grazie ad accordo con i proprietari di comodato d’uso gratuito degli spazi), sito in Corso XX Settembre/Piazza Risorgimento.  Il Palazzo Pompeo Montani, infatti dopo i restauri degli anni ’90, si ri-presenta con il suo antico splendore, fatto di archi, mattoni.

Il Museo viene inaugurato nell’agosto del 2014.  Il Museo naturalmente ospita diversi reperti, come descritto nelle “Collezioni del museo“.  Nel corso dell’agosto del 2016 i signori Oronzo Mauro, Giampaolo Valori, Guido Cossignani, Giuseppe Basili danno vita all’Associazione Culturale “Museo dell’Orologio di Montefiore dell’Aso” per gestire al meglio il museo e per perseguire la missione del museo stesso.

 

Logo - Associazione/Museo dell'Orologio di Montefiore dell'Aso
2016 Logo – Associazione/Museo dell’Orologio di Montefiore dell’Aso